Add to favourites
News Local and Global in your language
21st of October 2018

Scienze



Sonda giapponese atterra su un asteroide e invia le prime immagini Le foto

Spazio

25 settembre 2018 - 10:37

Hayabusa 2, lanciata nel 2014, è riuscita a far atterrare due piccoli robot automatici sulla superficie dell’asteroide Ryugu. Impresa mai riuscita a nessuno La prima immagine di Hayabusa 2 sull’asteroide Ryugu (Jaxa)La prima immagine di Hayabusa 2 sull’asteroide Ryugu (Jaxa) La prima immagine di Hayabusa 2 sull’asteroide Ryugu (Jaxa)

Sono arrivate le prime foto (un po’ mosse) mai scattate dalla superficie di un asteroide. L’impresa è riuscita alla sonda giapponese Hayabusa 2, che ha fatto atterrare due piccoli robot automatici sulla superficie dell’asteroide Ryugu, che si trova a 280 milioni di chilometri dalla Terra. Le immagini sono state scattate mentre i due robot Minerva (MIcro Nano Experimental Robot Vehicle per Asteroid) ribalzavano sulla superficie, a causa della debolissima gravità del piccolo corpo spaziale.

shadow carousel

Le prime immagini dalla superficie di un asteroide I due robot

Nelle foto si nota la superficie disseminata di massi. I due robot Minerva dell’Agenzia spaziale giapponese (Jaxa) hanno toccato l’asteroide venerdì scorso, dopo essere stati liberati dalla sonda Hayabusa 2 alla distanza di 55 metri da Ryugu. Hayabusa 2 aveva raggiunto l’asteroide lo scorso giugno dopo un viaggio di 3 anni e mezzo lungo 3,2 miliardi di chilometri. Dalla forma di un piccolo disco e grandi quanto un piatto, i due robot pesano 1,1 chilogrammi e trasportano fotocamere, termometri e altri sensori per analizzare la superficie. Sono stati progettati per spostarsi sull’asteroide grazie a un meccanismo che li fa rimbalzare.

'); } Prima volta

Vedere le immagini che hanno inviato, per Takashi Kubota, portavoce della missione, è stato «un sogno di molti anni divenuto realtà». Nessuna missione precedente aveva inviato immagini dalla superficie di un asteroide e nel 2005 lo stesso Giappone aveva già tentato l’impresa, ma fallendo con Hayabusa1 sull’asteroide Itokawa. «Non riesco a trovare le parole per esprimere la mia felicità per essere riusciti a posarci e muoverci sulla superficie di un asteroide», ha rilevato Yuichi Tsuda, responsabile di progetto della missione.

Rosetta, Philae e la cometa

Il 12 novembre 2014 la sonda Philae, sganciata dal satellite europeo Rosetta, era riuscita ad atterrare su 67/P Churyumov-Gerasimenko, ma non si trattava di un asteroide, bensì del nucleo di una cometa.

25 settembre 2018 (modifica il 25 settembre 2018 | 11:52)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Read More




Leave A Comment

More News

Focus.it

Corriere.it - Scienze e

Repubblica.it > Scienze

Il Sole 24 ORE - Tecnologie

Libero Quotidiano

Disclaimer and Notice:WorldProNews.com is not the owner of these news or any information published on this site.