Add to favourites
News Local and Global in your language
21st of October 2018

Mondo



A Tripoli si combatte, Palazzo Chigi esclude intervento corpi speciali | Sky TG24

Continuano i combattimenti a Tripoli, dove, da giorni, è saltata la tregua tra le truppe legate al governo di unità nazionale, sostenuto dall'Onu, e quelle di milizie rivali (UN PAESE NEL CAOS: SCHEDA). Ieri, 2 settembre, il consiglio presidenziale libico guidato da Fayez al Sarraj ha proclamato lo stato di emergenza in città. Il governo italiano, intanto, ha smentito qualsiasi ipotesi di intervento dei corpi speciali. "L'Italia - ha dichiarato il vicepremier Matteo Salvini - deve essere la protagonista della pacificazione". Dal ministro dell'Interno anche una chiara accusa alla Francia: "La Libia non è più un porto sicuro? Chiedete a Parigi', dice il vicepremier. E anche per il presidente della Camera Roberto Fico "la crisi libica è un problema che ci ha lasciato la Francia".

L’avanzata della Settima Brigata

Sul fronte degli scontri, Abdel Rahim Al Kani, leader delle forze della Settima Brigata, milizia che sta avanzando dal sud della capitale ed è diretta al centro, ha dato notizia di un assalto sul quartiere di Abu Salim a Tripoli, celebre perché vi sorge il carcere dove il rais Muammar Gheddafi fece strage di oppositori nel 1996, quasi 1.300 i prigionieri massacrati a colpi di granate. Approfittando della confusione 400 detenuti sono evasi da un carcere a sud della città.  La Settima Brigata, che fa capo alle tribù leali all’ex regime di Gheddafi e adesso vicine al generale Khalifa Haftar, "continuerà a combattere fino a quando le milizie armate non lasceranno la capitale e la sicurezza sarà ripristinata", ha fatto sapere Al Kani. "Noi non vogliamo la distruzione, ma stiamo avanzando in nome dei cittadini che non riescono a trovare cibo e aspettano giorni in coda per avere lo stipendio, mentre i leader delle milizie si godono il denaro libico", ha continuato. Nei giorni scorsi la Brigata ha assunto il controllo di diversi quartieri a sud di Tripoli, in particolare lungo l’asse verso l’aeroporto, chiuso da giorni a causa dei violenti scontri consumati nella zona. Sarraj ha quindi dato mandato alla milizia Forza Anti Terrorismo di Misurata, guidata dal generale Mohammed Al Zain, di entrare nella capitale per organizzare un nuovo cessate il fuoco e far terminare le violenze nella periferia sud della capitale.

Il bilancio

Al momento il bilancio degli scontri, comunicato dal ministero della Salute del Governo di accordo nazionale, è di 47 morti e 129 feriti. Nella sera di domenica, 15 persone hanno perso la vita dopo che un mortaio ha centrato un campo sfollati di Al Falah.

L’ambasciata italiana resta aperta

L'ambasciata italiana a Tripoli, fa sapere la Farnesina, "resta operativa ma con una presenza più flessibile, che si sta valutando sulla base delle esigenze e della situazione di sicurezza". Come riporta il Corriere della Sera, parte del personale dell’ambasciata è stato evacuato, insieme ad altri italiani impiegati da aziende in Libia (in particolare diversi tecnici dell’Eni). Attualmente, secondo il quotidiano, sei diplomatici restano a Tripoli, mentre l’ambasciatore si trova all’estero anche a causa delle pressioni ricevute dal generale Haftar all’inizio di agosto. Eni ha invece confermato che "le attività nel paese al momento procedono regolarmente".

Salvini: "Escludo interventi militari"

Il governo ha intanto smentito la notizia di un possibile intervento italiano: "In relazione ad alcune notizie apparse sulla stampa odierna si smentisce categoricamente la preparazione di un intervento da parte dei corpi speciali italiani in Libia. L'Italia continua a seguire con attenzione l'evolversi della situazione sul terreno e ha già espresso pubblicamente preoccupazione nonché l'invito a cessare immediatamente le ostilità assieme a Stati Uniti, Francia e Regno Unito", si legge in una nota di Palazzo Chigi. Un concetto ribadito anche dal vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini: "Escludo interventi militari che non risolvono nulla. E questo dovrebbero capirlo anche altri", ha dichiarato. "L'Italia deve essere la protagonista della pacificazione in Libia. Le incursioni di altri che hanno altri interessi non devono prevalere sul bene comune che è la pace". Salvini si è poi detto "preoccupato": "Penso che dietro ci sia qualcuno. Qualcuno - ha aggiunto - che ha fatto una guerra che non si doveva fare, che convoca elezioni senza sentire gli alleati e le fazioni locali, qualcuno che è andato a fare forzature, a esportare la democrazia, cose che non funzionano mai. Spero - ha concluso - che il cessate il fuoco arrivi subito".

400 detenuti sono riusciti ad evadere

Approfittando dei combattimenti in corso, circa 400 detenuti sono riusciti ad evadere da un carcere alle porte di Tripoli. Lo ha riferito la polizia libica. I detenuti hanno forzato le porte della prigione di Ain Zara, a sud della capitale, e sono fuggiti dopo aver sopraffatto le guardie che cercavano di fermarli.

Ue: "Cessare subito le ostilità"

Un appello per fermare i combattimenti è arrivato dall'Unione europea: "Chiediamo a tutte le parti in Libia di cessare immediatamente le ostilità. Non c'é soluzione militare per la situazione in Libia, solo politica", ha detto un portavoce della Commissione europea, aggiungendo: "L'escalation della violenza sta minando una situazione che è già fragile. La violenza porterà solo altra violenza a svantaggio dei libici".

Libia nel caos, dal 2011 il Paese è s... Libia nel caos, dal 2011 il Paese è s...

Data ultima modifica 03 settembre 2018 ore 16:51

Leggi tutto Read More




Leave A Comment

More News

Sky News Tg24 - Mondo

Tgcom24 Mondo

Corriere.it - Esteri

Libero Quotidiano

Il Sole 24 ORE - Mondo

IlGiornale.it - Mondo

Disclaimer and Notice:WorldProNews.com is not the owner of these news or any information published on this site.