Add to favourites
News Local and Global in your language
18th of July 2018

Cultura



Il saggio di Zygmunt Bauman. Nessun essere umano è straniero

Il sociologo ebreo polacco Zygmunt Bauman era nato a Poznan il 19 novembre 1925 ed è morto a Leeds il 9 gennaio 2017Il sociologo ebreo polacco Zygmunt Bauman era nato a Poznan il 19 novembre 1925 ed è morto a Leeds il 9 gennaio 2017 Il sociologo ebreo polacco Zygmunt Bauman era nato a Poznan il 19 novembre 1925 ed è morto a Leeds il 9 gennaio 2017

Quando se n’è andato, nel 2017 a 91 anni, Zygmunt Bauman ci ha privato di una voce coraggiosa, di uno sguardo attento a ogni sussulto della storia e pronto ad accogliere la contraddizione per poi smontarla dall’interno. Nei suoi scritti il lavoro di una vita, dedicato a separare il nucleo delle verità inconfessabili dal parlare anonimo, dagli inganni della propaganda, dal pregiudizio.

Nel libro del 2016 che il «Corriere della Sera» ripropone da oggi con prefazione di Donatella Di Cesare, Stranieri alle porte, Bauman analizzava la reazione delle società europee alla crisi migratoria che aveva appena toccato l’apice, inquadrando con chiarezza l’inquietudine dell’Occidente e il nuovo verbo del securitarismo in un più ampio orizzonte definito dai due poli della responsabilità e dell’indifferenza morale.

'); }

Zygmunt Bauman, «Stranieri alle porte», (traduzione di Marco Cupellaro, pagine 104)Zygmunt Bauman, «Stranieri alle porte», (traduzione di Marco Cupellaro, pagine 104)Estraneità ed esilio, Bauman li conosceva bene. Ebreo polacco sfuggito al nazismo, riparato in Unione Sovietica, tornato e ancora perseguitato nel suo Paese, emigrato in Israele, infine approdato nel Regno Unito, patria del liberalismo e del razionalismo. Militare in guerra con i sovietici, marxista ortodosso poi critico (influenzato da Antonio Gramsci), sociologo e filosofo tra i più grandi del Novecento, ha indagato le ambivalenze di una modernità osservata attraverso la lente che lo ha reso noto nel mondo, la «liquidità». Categoria fondamentale del suo pensiero, nella quale però non ha mai voluto esaurire un percorso sempre teso in avanti, a studiare le trasformazioni delle interazioni umane, il linguaggio della politica, i fenomeni di massa.

Nei migranti, brechtiani «portatori di cattive notizie» dei quali pure il capitalismo ha bisogno per spingere al ribasso il costo del lavoro e aumentare i profitti, Bauman individua l’incarnazione perfetta della paura del «grande ignoto» in un mondo il cui ordine è sottratto al controllo dei cittadini, umiliati dalla loro stessa impotenza.

Disumanizzati, trasformati dal discorso pubblico in un’oscura forza che avanza minacciosa, gli stranieri smettono di essere titolari di diritti — come i diritti di ospitalità e di visita evocati da Immanuel Kant nel Progetto filosofico per la Pace perpetua: «Il diritto di uno straniero di non essere trattato ostilmente quando arriva sul suolo di un altro» e «il diritto che spetta a tutti gli uomini, di proporsi come membri della società». Si crea così un dispositivo attraverso il quale una comunità già frammentata e dispersa può, senza gravi conflitti di coscienza, escludere l’ospite dal perimetro della responsabilità sociale, rimuoverlo dalla comune condizione umana, relegarlo nella realtà parallela degli hotspot, dei centri di identificazione e delle quote.

Una strategia tanto più praticabile in «società della prestazione» come quella attuale, dove le relazioni sono valutate per la capacità di produrre risultati e l’individuo, non più garantito e indirizzato da una politica incapace di risolvere problemi complessi, è chiamato a un continuo sforzo di autoaffermazione anche a scapito dell’altro, percepito come rivale nella lotta di tutti contro tutti per un posizionamento sul mercato.

Così il dibattito sull’immigrazione è gradualmente scivolato dal piano dell’etica a quello della sicurezza, della prevenzione della criminalità e della difesa dell’ordine pubblico, nella cornice di uno stato di allerta ed emergenza permanente.

A questa distorsione Bauman contrappone una visione all’apparenza utopica: siamo un solo pianeta, una sola umanità. L’unica via per superare una crisi che è d’identità e di senso sta nell’incontro, nella conoscenza, nella comprensione intesa nel significato gadameriano della fusione di orizzonti. All’Europa dei confini chiusi e delle rotte controllate l’intellettuale marxista rivolge l’esortazione ripresa dall’omelia di papa Francesco a Lampedusa, 8 luglio 2013: chiediamoci chi ha pianto, chi ha pianto oggi nel mondo?

Il libro in edicola

Esce lunedì 9 luglio in edicola con il «Corriere della Sera» il libro di Zygmunt Bauman Stranieri alle porte, con una prefazione inedita della filosofa Donatella Di Cesare (traduzione di Marco Cupellaro, pagine 104). Il volume, pubblicato in collaborazione con la casa editrice Laterza, resterà in edicola con il «Corriere della Sera» per due mesi al prezzo di e 7,90 più il costo del quotidiano. Uscito nel 2016, il volume di Bauman raccoglie le riflessioni del grande sociologo di fronte alla crisi dei migranti, che in quel periodo stava toccando l’apice Secondo Bauman l’idea di gestire le grandi migrazioni con una logica repressiva è destinata al fallimento: servono scelte coraggiose

8 luglio 2018 (modifica il 9 luglio 2018 | 21:36)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Read More




Leave A Comment

More News

Corriere.it - Cultura

IlGiornale.it - Cultura

lastampa.it - Cultura

Disclaimer and Notice:WorldProNews.com is not the owner of these news or any information published on this site.