Add to favourites
News Local and Global in your language
18th of January 2018

Uomini



Marni, l'intervista a Francesco Risso

Completo impeccabile, sneaker, maglietta a righe e una sciarpina all’uncinetto, ha le mani da pianista e l’eleganza dell’intelligenza. Parlare con Francesco Risso è affascinante, ci si ritrova in una dimensione rarefatta e densa nello stesso tempo, in un caos armonico, nel quale le parole e i pensieri si dispiegano con una facilità rara e danno risposte importanti con estrema leggerezza. Amichevole e generoso, ricorda il romanticismo di Lord Byron e la spensierata saggezza del piccolo principe di Saint-Exupéry. Del resto, alla domanda «come ti definiresti?» risponde: «Un esploratore».

Direttore Creativo di Marni dal 2016, 34 anni, assomiglia a un personaggio letterario e non poteva essere altrimenti. I genitori, originari di Genova e appassionati di vela, decisero di vivere in barca e fu così che… «Sono nato il 30 dicembre proprio in barca», racconta divertito. «Eravamo in Sardegna: anche se mi considero genovese, mi sento in qualche modo un po’ isolano. Ci sono testimonianze della mia culla legata in mezzo a due alberi, in maniera molto spartana, tra l’altro.

Ho passato i miei primi quattro anni girando per il Mediterraneo e anche fuori». Ha vissuto in una famiglia “colorata”, con tre sorelle e un fratello, molta gente intorno e un padre al quale piaceva «portarci fuori del limite, sempre, e questo mi ha fatto crescere avventuroso».Ricorda anche l’importanza che hanno avuto nella sua formazione le nonne: una faceva la sarta − la rivede tra i cartamodelli di Chanel − e l’altra conduceva una vita tuttora avvolta nel mistero e dal profumo esotico: aveva un guardaroba talmente fantasioso e fuori dal comune, da ispirarlo ancora oggi nel suo lavoro. Ha respirato eccentricità da sempre, e il suo sguardo è inevitabilmente obliquo e unico. Fisiologicamente anticonvenzionale.

La straordinarietà sta nel fatto che la sua urgenza creativa, e la necessità di disegnare un mondo nel quale ritrovarsi, non hanno subito battute d’arresto nel corso del tempo.Francesco Risso ha scelto la moda, la sua passione, per inventare un sistema di segni, una realtà nella quale si parla un linguaggio che assomiglia a quello conosciuto, ma che è altro, arricchito da accenni surreali, da incidenti di percorso o imprevisti che entrano nella storia che sta raccontando, trasformandola. «Il mio processo mentale è una sorta di stream of consciousness. Sono un appassionato di storie, mi piace molto la narrazione. Quando parto a lavorare su una collezione con i ragazzi, mi piace l’idea che inizi come un racconto. Poi ovviamente quel racconto è completamente sconclusionato, è per quello che parlo di flusso di coscienza… Non so dove mi porta e soprattutto mi piace che sia pieno di  contraddizioni. Anche un po’ fuorvianti. Nell’uomo, per esempio, mi aveva colpito una frase che era scritta su una foto: “A rich boy who falls off the hill”. Chiunque potrebbe percepire tra le righe la disperazione, ma per me era molto romantica. Da lì la collezione è diventata Lost and Found, il titolo più congeniale per il ragazzo che immaginavo. Era quella della primavera-estate 2018 e mi piaceva che, strada facendo, questo ragazzo ritrovasse se stesso negli oggetti perduti, che erano costumi da bagno Anni 20, ma indossati con dei vestiti da ufficio. Il rotolare giù dalla collina era interessante, come un blob di oggetti che creano la casualità, assumendo nuovi significati». Attraverso i vestiti, Risso costruisce percorsi mentali e visivi che, in un mondo che sembra soffrire dell’eccedenza di tutto, finalmente riescono ancora a sorprenderci.Uscito di casa intorno ai sedici anni, Francesco va a Firenze, dove frequenta il Polimoda.

(…)Ha lavorato con marchi importanti, come Anna Molinari, Alessandro Dell’Acqua, Malo e Prada, che dichiara essere stata un’esperienza sostanziale. «Probabilmente, la cosa più interessante è aver condiviso con loro la pratica di quel che io definisco surfing brains. Mi ricordava proprio quello che facevo alla St. Martins», sorride al pensiero, «si rimaneva un mese a parlare di una singola cosa che ci ispirava. Si stava al tavolo a discutere di ogni aspetto e di ogni possibile significato. Poi, magari in brevissimo tempo facevamo i vestiti».Ma, gli chiediamo, il risultato corrisponde sempre al pensiero? «Il risultato è dato dal metodo. Il procedimento che ho descritto si può applicare in un’azienda in cui il lavoro intellettuale è molto rispettato e che ha imparato a rispondere operativamente in pochissimo tempo, creando qualcosa che ne mantenga il livello e il valore. La proporzione è data dal metodo, c’è chi lavora magari un mese sui vestiti, ognuno ha il proprio sistema. Questo fare le cose in breve tempo», precisa, «non ha mai compromesso il risultato».

Testo di Renal Molho – Foto di Foto di Van Mossevelde+N

L’intervista continua su GQ n.216 gennaio 2018

Read More




Leave A Comment

More News

Moda uomo, lifestyle |

GQ Italia

MensHealth.it

Playboy

Gazzetta.it

RSS notizie Uomini e

BODYBUILDING HOMEPAGE: Il

Uomini e Donne News

Disclaimer and Notice:WorldProNews.com is not the owner of these news or any information published on this site.